Mi sono imposta di tornare ad un mio mood fatto di piccoli passi, piaceri infinitesimali, pause che mi permettano di ossigenare e ristabilire un buon rapporto con me stessa e di conseguenza con le persone che mi circondano. Per fare questo, ho partecipato ad una serie di eventi interessanti e mi sono ritagliata spazi anche quando sembravano inesistenti. Pronti per…

Una raffica di eventi positivi

La mia ricerca di momenti felici è cominciata ad ottobre con un pranzo in un posto davvero delizioso, il ristorante Aquaduulza. È stata l’occasione per conoscere dal vero persone belle incontrate in un gioco online molto casualone. Quanta bellezza, quante risate! L’affetto con cui mi sono sentita accogliere è indescrivibile e sorprendente per me, come mi sia lasciata coinvolgere nell’incontrare persone nuove, aprirmi e affezionarmi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Di Martino (@daze_d) in data:

Una settimana dopo io e M. siamo riusciti a ritagliarci una giornata insieme a Milano e finalmente siamo riusciti ad andare al Cimitero Monumentale e al Crazy Cat Cafè, due posti che volevamo visitare da un sacco! Il cafè è curato in ogni dettaglio, i gatti dolcissimi ed indipendenti come giusto che sia e poi ospita alcune handcrafter prodigiose come Petit Pois Rose, Adventurous Nene, MUMI  Design e Laura Bellini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Di Martino (@daze_d) in data:

Tornata a Torino mi sono ritrovata nuovamente a parlare di cinema grazie a Francesco di Storie dei Film e Lumiere e i suoi fratelli e ad andare a passeggio con fantasmi di Torino e Giuseppe Culicchia. Infatti, sono andata alla proiezione di un documentario molto particolare sulla mia città e in una location fantastica, il Café Cavour. Diciamo che mi sono emozionata molto e che mi sono sentita nuovamente a mio agio, in luoghi che “mi appartengono”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Di Martino (@daze_d) in data:

Ma è con novembre che le cose hanno realmente cominciato a muoversi, ho cominciato a seguire i segni, non lasciar passare inosservato nemmeno un dettaglio. Sono riuscita ad uscire e passeggiare senza fretta con la mia amica C e abbiamo assistito alla presentazione di La misura di tutto di Camilla Ronzullo – Zelda was a writer. Finalmente abbiamo avuto modo di incontrarci live ed ho anche rivisto quella meraviglia di Francesca – Tegamini. La presentazione del libro mi ha distesa, mi ha fatto riflettere su me stessa e ha infuso dentro di me una bellissima energia positiva.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Di Martino (@daze_d) in data:

Dopodiché sono tornata nuovamente  a Milano con M per il concerto dei Flaming Lips. Fantasmagorico! Glorioso! Epico! Pieno di coriandoli, palle giganti in pvc, robottoni rosa e unicorni! E che musica ragazzi! Psichedelia pura, poesia a 360 gradi, uno spettacolo e una festa per il cuore.

Abbiamo giocato a palla ballando e cantando.

Oltre a pezzi tratti da Yoshimi Battles the Pink Robots Oczy Mlody il gruppo di Oklahoma City si è prodotto in una mirabilissima cover di David Bowie, Space Oddity, durante la quale Wayne Coyne, leader della band, si è infilato dentro una palla in pvc trasparente per poi rotolare sul pubblico.

Più che un concerto – tra l’altro sono dei musicisti pazzeschi – è stata una festa immensa, un immersione onirica nei desideri più sfrenati di un bambino un po’ cresciutello. E io ho ballato tutto il tempo con il mio cerchietto da unicorno e non potevo essere più felice. Per vedere altre foto, seguite il link!

Ma il mese di novembre mi ha regalato altra meraviglia. Infatti grazie a IgersTorino ho assistito alla mostra del World Press Photo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Di Martino (@daze_d) in data:

È stato come affacciarsi al mondo, riconoscere le proprie paure attraverso uno specchio. Non mi aspettavo tutto questo carico emozionale, lo ammetto, ma sono riuscita ad accoglierlo con gratitudine e senza farmi travolgere troppo. Grazie ancora alla guida e agli Igers!

Però, più vivo belle esperienze e più ne vado a cercare e quindi è capitata, come si suol dire, a fagiolo la mostra di Sefora Pons a Pinerolo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Di Martino (@daze_d) in data:

Innesti di assenze e botanica è una mostra composta da 30 disegni dell’artista, alcune creature in ceramica e appoggi in legno creativo di Andrea Bouquet. Ma non è solo questo. Nella Galleria Losano l’atmosfera di pace mi ha riportato ai momento in cui ero in Savasana a yoga. Occhi chiusi, mani rivolte verso il cielo, respiro lento e profondo. I volti dei disegni di Sefora, con i loro occhi chiusi, accolgono in un mondo fatto di purezza e luce calda. Ogni disegno a grafite, con i suoi innesti botanici e i ricami in oro, sono un mondo da scoprire e contemplare. Avete tempo per visitarla fino al 23 dicembre! Per vedere altre foto, seguite il link.

Piccole gioie quotidiane e il ritorno sui social!

Ma non di soli eventi è fatta la felicità quotidiana e allora va ricercata in piccoli gesti e piccole abitudini. Come per esempio studiarsi una beauty routine o anche ascoltare un programma alla radio.

Ho riscoperto il piacere di ascoltare la radio un po’ a forza, dovendo mettere musica nel negozio dove lavoro. Ho cominciato ad ascoltare Virgin Radio perché è sicuramente quella più vicina ai miei gusti musicali e ho scoperto che, arrivando presto al mattino per aprire, posso ascoltare la trasmissione di Paola Maugeri.

Ecco, la Maugeri è una di quelle che mi stava proprio antipatica, non so perché forse lo sbirignao inglese, forse perché quando ero ragazzina lei aveva avuto la possibilità di intervistare musicisti che io mi sognavo la notte. Fatto sta che giorno dopo giorno, trasmissione dopo trasmissione la Maugeri mi ha conquistata e mi ha fatto riscoprire l’amore per la musica e soprattutto per la storia della musica rock. Infatti durante Paola is Virgin, la dj legge brani tratti da biografie o libri sulla musica e così è diventata un’amica da ascoltare al mattino. Oh, Paola, se leggerai queste righe, grazie di tutto!

Oltre a questo, sono tornata sui social. Non che li abbia mai abbandonati ma non riuscivo a seguirli, a seguire i mille cambiamenti tra Instagram Stories e quant’altro e quindi ho cominciato ad approfondire, a fare pulizia contatti e cercarne di nuovi e stimolanti per il periodo che sto attraversando.

Prima di tutto ho cominciato a far parte del magnifico gruppo dei #3facters. I #3fattidioggi nasce da un’esigenza di Valentina Aversano di fermare i ricordi e condividerli. Ma non solo, Valentina ha cominciato a chiedere ai propri followers Instagram e Twitter di condividere anche i propri fatti quotidiani, ne è nato uno splendido diario condiviso e collettivo di cui mi fa piacere far parte. Se volete farlo anche voi, basta usare l’hashtag e raccontare. I cuori dei #3facters sono splendidi abbracci virtuali. In più col Natale alle porte è nato anche il Secret Santa dei #3facters e così ho spedito una cartolina di auguri a sorpresa. Non è bellissimo?

Mi sono improvvisata Secret Santa anche per un’altra iniziativa a tema libresco, però. Accio Books, il primo sito italiano di book sharing, ha promosso l’iniziativa #christmasswap. Solo 200 erano i post e io sono riuscita ad aggiudicarmelo per poter regalare un libro ad una persona sconosciuta e riceverne uno in cambio. Io il mio pacchetto l’ho già ricevuto e sono curiosissima! Accio Books promuove anche altre interessanti iniziative su cui spero di poter tornare presto.

Per non farmi mancare nulla a novembre è anche nato il Club di Lettura di House of Books. Purtroppo ho la lentezza di una lumaca ultimamente a leggere però il fatto di scegliere un libro e commentarlo con altre persone è piacevole e stimolante.

E grazie a questo post sono riuscita a mettere in ordine qualche foto, video, idea e spero che troviate spunti interessanti per qualche nuova avventura (magari scrivetemela anche!).

Kiss kiss (bang bang)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *