Un anno di #frullìbrio

Sembra ieri che guardavo video di waffles che cadevano e che scambiavo messaggi alla velocità della luce con awambawamb cercando un nome adatto per il suono delle pagine sfogliate di un libro che fanno ‘frrrr’ come le fusa di un gatto.

Poi ad un tratto è arrivata, la parola: frullìbrio ed è diventata subito hashtag.

Poi ha ricevuto una sua vera e propria definizione – il suono delle parole (ancora) non lette.

Poi il 29 aprile 2015 ho caricato il primo video su YouTube. Fatto in fretta e con entusiasmo.

E come niente è passato un anno.

frullibrio infografica

Continua a leggere