Weird Loners – Giovani, carini ed emotivamente disturbati

Non amo parlare di cose che non mi piacciono per il gusto di criticarle. Non amo particolarmente nemmeno parlare di cose che mi hanno lasciata indifferente, ma in questo caso, Weird Loners va in una categoria a parte.

Il telefilm, una commedia leggera molto americana, è stata creata da Michael J. Weithorn, nome che ad essere sincera non mi diceva nulla (da qui il link a Wiki). Il numero di episodi di cui è composta la prima stagione doveva già farmi capire che non saremmo andati molto lontani e infatti, ve lo dico subito, Weird Loners, è stato già cancellato.

Bene. Allora perché ne scrivo? Perché c’era il potenziale ma il signor Weithorn non mi si è applicato abbastanza.

 

Weird Loners

Continua a leggere Weird Loners – Giovani, carini ed emotivamente disturbati

Jukebooks Label e il primo musical book al sapor di Rustichella

Camilla Sernagiotto, mi è entrata nel cuore per poi rimanerci, con il libro Circuito Chiuso/Annales. Il formato insolito di quella pubblicazione Fazi, mi aveva sorpreso e incuriosito, infatti, il libro ha due titoli e due storie (che sia il caso di un #frullìbrio per farvi vedere?) e leggendolo mi ero convinta che l’autrice poteva farmi ridere e tenermi sulle spine con un buon thriller, allo stesso tempo.

Qualche giorno fa, Camilla ha pubblicato questa foto su Instagram:

Jukebooks Label

e io mi sono lanciata subito sul sito in questione. Continua a leggere Jukebooks Label e il primo musical book al sapor di Rustichella

Letture da Kiddo – giugno

Dopo un periodo in cui non riuscivo a finire nemmeno un libro, sbocconcellandolo di malavoglia come un finocchio durante la dieta, rieccomi in piene forze e pronta per le abbuffate.

Così, tra le varie letture che mi accompagnano di notte, ci sono quelle diurne di libri per bambini. Ciò che penso di questi libri favolosi per Kiddos, lo condivido sul sito You Kid.

Ricapitoliamo quindi, ciò che ho letto a giugno.

Continua a leggere Letture da Kiddo – giugno

Catastrophe – quella serie che all’ultima puntata ti rende sboccato come Q*Bert

C’è che  capitano delle giornate – molte, diciamo pure troppe – che la noia mi assale e non è che non avrei nulla da fare ma è proprio la stuffia addosso. Presente? Quindi, pesco a caso tra nuove serie televisive e a volte mi va male, altre decisamente meglio, come nel caso di Catastrophe.

La serie, che è uscita praticamente ovunque nel mondo tranne che in Italia, parte in sordina e cresce fino ad arrivare al finale che #@!!!## e non vedi l’ora che arrivi ottobre 2015 per sapere come va avanti. Ma andiamo con ordine. Ché poi mi incasino, ché poi non ci capite nulla.

Iniziamo da quella idea farloccona del salto della quaglia.

catastrophe

Continua a leggere Catastrophe – quella serie che all’ultima puntata ti rende sboccato come Q*Bert

La sera che ho visto Mad Max Fury Road

Quando vivi fuori – ma fuori fuori – dalla “grande città” ogni cosa può prendere la piega dell’avventura. Perciò quando si decide con un amico di andare a vedere Mad Max Fury Road a circa un mese dall’uscita, questa, diventa un’impresa. Prima di tutto il film in questione non è in programmazione più in nessun modo  luogo lago il mondo l’universo CINEMA, questo ha tolto un sacco di opzioni lasciandoci solo quella di andare in città e che siccome che sono cecata (vedere immagine illustrativa) avevamo ancora meno scelta e dovevamo cercare spettacoli in 2D. Siamo partiti dal paese per lo spettacolo delle 22,30. hqdefault Continua a leggere La sera che ho visto Mad Max Fury Road

Scusa! Mi è entrata una bruschetta nell’occhio – di quanto ho pianto per le serie tv quest’anno

Siamo in quel momento di passaggio di testimone tra una serie televisiva e l’altra. Finisce Game of Thrones, ricomincia True Detective. Termina Orphan Black, si parte con Defiance. E così via.

Insomma, il mio carnet di ballo non è mai vuoto. Ohohohoh.

mast-DA2-maggie-hires

Perciò, faccio un recap decisamente personale, parlandovi delle serie le cui stagioni di questo semestre, mi hanno addolorata di più.

Questo post è da qui in poi, potenzialmente ad alto rischio di spoiler, ma se non vi frega nulla degli spoiler, andate avanti in pace.

Continua a leggere Scusa! Mi è entrata una bruschetta nell’occhio – di quanto ho pianto per le serie tv quest’anno

Cucumber + Banana + Tofu – e non è una ricetta vegan

Parlare delle serie create da Russel T. Davies, Cucumber, Banana e la web series Tofu non è semplice. E non perché le parole per descriverlo mi manchino o perché ormai, a tre mesi dalla sua conclusione, si è già parlato e detto tanto, ma semplicemente perché sono telefilm che mi hanno toccata profondamente. Ogni aggettivo mi sembra vuoto e dire che queste serie che trattano tematiche LGBT, ma che in realtà coinvolgono ogni tipo di “diversità” e ogni tipo di discriminazione, insomma, etichettarle come coraggiose… diviene superfluo e quasi insultante. Perché l’idea di Davies è molto di più, travalica l’idea di sessualità e diversità e morte e cordoglio. Insomma. Continuate a leggere e vediamo se riesco a spiegarmi.

Già vi avverto, ma lo rifarò anche in seguito, che questo post trasuderà spoiler e lacrime.

Cucumber Channel 4

Continua a leggere Cucumber + Banana + Tofu – e non è una ricetta vegan

#frullìbrio – quella roba lì che mi frullava fra le mani

Io ho amici belli ma proprio belli che mi mandano immagini e video che poi entrano nel mio immaginario e a volte, nei miei peggiori incubi notturni.

Ho un amico in particolare che oltre ad essere un ottimo scopritore di caz**te bellissime è anche un creativo con i contro fiocchi, che rimani a bocca aperta. E io sono molto orgogliosa di conoscerlo e perciò conoscetelo anche voi a questo awambawamb. E sono anche molto orgogliosa di ricevere video come questi:

Continua a leggere #frullìbrio – quella roba lì che mi frullava fra le mani

Raised by Wolves – lalalalalallalalalalaaa

Partiamo subito dal fatto che sono settimane che non riesco a togliermi la sigla di questo telefilm dalla testa. Sarà per il testo – lalalalalalalalalala lalalala lala lala laaa lalala lala la – facile da memorizzare o chessò io ma intanto è qui. Incollata.

Continuiamo anche dicendo che ho finito da poco di vedere la prima stagione di sei episodi e già mi manca.

Sto parlando di Raised by Wolves, serie televisiva inglese, divertente, sopra le righe e con una colonna sonora che spacca. Scritta dalle sorelle Caitilin e Caroline Moran, la serie racconta l’adolescenza delle due trasportata ai nostri giorni ottenendo un risultato davvero piacevole.

2015RaisedbyWolves_Press_070115
Attrici e autrici insieme!

Continua a leggere Raised by Wolves – lalalalalallalalalalaaa