Lo chiamavano Jeeg Robot

Lo chiamavano Jeeg Robot – ma che, pure te c’hai la Spada Alata?

Vorrei cominciare a parlare di Lo chiamavano Jeeg Robot dalla fine o  meglio, dal dopo film quando, ancora al buio e presissimi dai titoli di coda *corri e va per la terra, vola e va tra le stelle* io e il mio amico abbiamo sentito questa frase provenire da qualche poltroncina di distanza, “Io non capisco come possano finanziare film del genere.”

Io sono stata zitta ma ho pensato, “Io non capisco come permettano a certe persone di andare al cinema” ma solo perché basterebbe informarsi. Tipo: guardare il trailer poteva essere utile, se hai visto il trailer di Lo chiamavano Jeeg Robot sai esattamente a cosa vai incontro.

Vi agevolo il video se mai ve lo foste perso, ma non credo dato che anche la madre del mio amico ha detto che in tv, lo passano spesso il trailer di ‘sto robo’ coso.

Continua a leggere

I yum for shoppin’ – Sciccherie per lettori: le candele pt. 1

Se siete lettori è possibile che siate anche collezionisti, che facciate parte di qualche fandom e che siate degli incorreggibili geek ma non solo.

Io sono tutto questo ma con l’aggiunta di una propensione allo shopping online e un amore per la ricerca di oggetti più o meno kitsch, quasi sempre inutili ma assolutamente irresistibili.

Per questo mi è venuto in mente di riesumare *braaaainssss* una vecchia idea nata nel 2009 nonché rubrica che gestivo sul defunto *braaaaaaaaiiiiinssss* sito Uncanny Nerdz e riproporla su questo blog.

Si tratta di…

I yum for shoppin'- adoro lo shopping, logo creato da Luca Mainini

E per prima cosa ho girato mari e monti da dietro il mio monitor per trovare le più deliziose candele letterarie che possiate immaginare!

Continua a leggere

February 2016 – soundtrack

Dall’inizio di questo 2016, ho deciso che la colonna sonora della mia vita non potesse rimanere chiusa in solitudine nella mia testa, perciò la condivido con voi, volenti o dolenti.

Ad una prima occhiata questo febbraio può apparire un po’ schizofrenico ma la colpa è di Sanremo e del fatto che nonostante io non sia una fruitrice assidua di musica da classifica italiana, non me ne perdo una edizione da anni e poi le canzoni mi rimangono appiccicate in testa. Sì, anche se per questa 66a edizione avevo dichiarato il contrario….

Comunque, sereni! Non troverete esclusivamente roba sanremese, anzi.

Quindi, ciancio alle bande ecco…

LA COLONNA SONORA DEL MIO FEBBRaIO 2016

Continua a leggere

Letture da Kiddo – febbraio

Anno bisestile questo 2016 e proprio come i coniglietti del doodle di Google firmati da Olivia Huynh, vorrei passare questo 29 febbraio appisolata al calduccio invece che starnutire davanti alla tastiera con la tempesta che imperversa fuori dalla finestra di casa!

Ma invece no! Devo proprio raccontarvi le letture da kiddo del mese perché mi sono ritrovata tra le mani un teen thriller pieno di suspense, il diario delle marachelle di un ragazzino newyorchese degli anni ’60 e la storia dolcissima di una primavera in un bosco.

Schermata 2016-02-29 alle 15.42.41

Continua a leggere

Please like me – comfort food per il cuore

Come andare dal gelataio e chiedere solo gusti dai colori pastello. Come immergersi in un film di Wim Wenders. Come sculettare cantando mentre si preparano pancakes.

Come…

Di cosa sto parlando, dite? Di  una serie tv che se vi piacciono tutte le cose elencate fino ad ora e ancora non lo avete visto, di certo vi manca un pezzetto di cielo.

È Please Like Me, telefilm australiano nato nel 2013 ideato e interpretato da Josh Thomas che esplora e indaga situazioni di vita reale con un umorismo un po’ stralunato e mai scontato. Un telefilm che fa piangere e ridere insieme*.

please like me

Continua a leggere

Peek-a-Book o come ti avvisto i libri nei telefilm

Ho da sempre quell’irresistibile curiosità verso le letture degli altri.

Meglio se di sconosciuti. Sbircio le copertine dei libri che le persone leggono sui pullman, mi entusiasmo se è un titolo che conosco e magari mi è piaciuto.

Ricordo che ebbi anche la malaugurata idea, in gioventù, di chiedere ad un ragazzo con cui avevo una fitta corrispondenza di incontrarci per la prima volta in una libreria del centro, per vedere quale libro avrebbe adocchiato e decidere se fossimo compatibili. Ovviamente non lo sentii mai più.

Per questo anche nei telefilm mi capita di soffermarmi su quello che leggono i vari personaggi e andarmeli a cercare.

Cominciamo con Modern Family, Fresh Meat e Skins.

Continua a leggere

La Carne di Cristò

Sospeso. Ma vibrante.

Stavo cercando un inizio per questa recensione de La Carne, ultima fatica di Cristò edita da Intermezzi Editore e mi sono venute in mente queste due parole.

Sospeso. Vibrante.

Io vorrei semplicemente dirvi, Lasciate perdere le recensioni! Compratelo e basta, questo libro, divoratelo chè dei bei libri non si butta via nulla!

Ma voglio dirvi di più perché la storia raccontata da Cristò è ambientata in un futuro che puzza di passato, abitata da gente che non ha più nulla da scoprire e da altri che vivranno per sempre, per sempre affamate.

Una storia sospesa. Ma vibrante.

Continua a leggere