[Flashback] Farfalle in un lazzaretto di Camilla Ronzullo

(In occasione dell’uscita della nuova edizione di Farfalle in un Lazzaretto di Camilla Ronzullo, vi ripropongo, essendo questo un libro a cui sono particolarmente legata, la mia recensione uscita l’8 giugno 2013 su Uncanny Nerdz e andata dispersa per qualche tempo)

Quando crei una coperta patchwork ogni quadrato ha un suo posto, un suo concetto un suo perché  Ogni punto ad unire i vari pezzi è indispensabile. Quando ti ritrovi tra le braccia questa coperta dai vari colori dei vari umori, l’unica è avvolgercisi stretti e vivere il momento.

Farfalle in un lazzaretto è così.

Ma è anche un Bolero. Inizia piano, languido e poi ti trasporta.

*** Questo libro l’ho amato tanto che non volevo finisse mai. per questo è così difficile scrivere una recensione che sia all’altezza. ***

Due scrittori trentenni, Agata Lorenzi e Marco Robustelli, legati da un passato d’amore e passione e un presente di ripensamenti e egocentrismi, si trovano davanti ad un impasse.

Entrambi di successo, non riescono a uscire dalle sabbie mobili che si staglia tra il libro di grande successo e la prossima pubblicazione.

Entrambi, si ritrovano per una serie di circostanze a frequentare una terapia di gruppo al quanto sui generis con il Professor Leone Spiegalmann, famoso psicologo.

Con i nostri protagonisti, ci saranno anche la scrittrice di romanzi erotica Colette, il giallista stra famoso e cult della televisione italiana Lucaretti e il prodigio della poesia cimiteriale, Mortimer.

Inizialmente i protagonisti della storia, che si intrecciano, si slegano e allontanano e poi si riuniscono a sorpresa, sembrano stereotipi. Esattamente come ognuno può sembrarlo ad un primo incontro. In una società dove sei quello che fai, tutti noi appariamo cliquè. Ad una seconda occhiata però, cominciamo a prendere tridimensionalità. Il nostro passato, le nostre speranze, i dolori, le gioie. E’ così per i protagonisti del libri di Camilla Ronzullo.

Ognuno, si presenta alla terapia di gruppo, ognuno con i propri tormenti da pagina bianca e si presentano agli altri come caricature di loro stessi. Ma i vezzi e vizi di ognuno fanno capolino e tra panini alla mortadella mangiati in salumeria, prime sbronze e canzoni cantate a squarcia gola nella notte, ci si innamora di tutti. Li si vorrebbe seguire nell’intimità, prenderci un caffè,andarci ad un concerto con queste persone. E sottolineo persone.

Sottolineo. Buffo. Ma questo è anche il primo libro che abbia mai sottolineato, scritto e spiegazzato per la cura con cui mi sono sorbita ogni frase, ogni parola.

(…) Capita così con i libri. Capita che si passi un’intera esistenza  a lagnarsi di non aver vissuto altre tre vite contemporaneamente e che poi ci si ritrovi in mano un rettangolo di carta stampata, capace di descriverci meglio di quanto saremmo mai riusciti a fare noi stessi. (…)

Lo stile è veramente originale, arabescato e ricercato. Ironico e buffo come un persona che inciampa ma non si fa male.

Non ho trovato cali né nella storia, né nello stile. Insomma, se non l’avete capito, è assolutamente consigliato.

Ma non voglio fermarmi qui e vi racconto anche la storia dietro questo romanzo.

Farfalle in un lazzaretto

Ecco la mia edizione del 2013 con tanto di autografo. Quanto amore!

Da come si legge al fondo del libro è nato a Rapallo nel 2008 ma presentato come libro nel 2012 presso il Writer Festival di Milano. Poi, è stato pubblicato su Amazon in ebook e in cartaceo è stato stampato in pochissime copie grazie alle vendite dei Cahiers, i quaderni che Camilla vende nel suo shop online.

Autoproduzione e sogni realizzati? Potete scommetterci! Appoggio in pieno questa scelta coraggiosa e romantica, anche perché in questo caso specifico il prodotto (sia digitale che fisico) è ottimo.

Ottimo è l’editing, che in barba alla case editrici più blasonate non mi ha fatto trovare nemmeno un refuso.

Ottima la stampa, con la copertina impreziosita da una foto di Camilla e dei riquadri in rilievo che danno la sensazione del quaderno da scuola, con l’adesivo per il nome e la classe.

La nuova edizione di Farfalle  in un Lazzaretto potrete prossimamente acquistarla direttamente dallo shop online di Zelda was a Writer.

Questo libro è un raggio di sole. È  sabbia tra le dita dei piedi.  È una passeggiata. Una canzone urlata alla luna sotto la pioggia.  È vento di cambiamento.  È unico.  È te. È  me. È  tutti quelli che lo prenderanno tra le mani e lo leggeranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *