Ciao mamma, vado al 33° Torino Film Festival! – dove ti riassumo le puntate precedenti

Accredito – da ritirare

Trolley – pronto

Agendina per gli appunti ché se li prendo di nuovo su cellulare durante i film, mi immolano in piazza – presa

Biglietto per arrivare a Torino – in tasca

Aria smargiassa – in stato di lavorazione

Questa non è la mia prima volta. In realtà è la terza. Me ne andrò per le strade della città, sbandierando l’accredito stampa al Torino Film Festival.

Quest’anno al Torino Film Festival, non solo farò un’abbuffata di film, farò la turista. Ho deciso di godermelo tutto, con i miei tempi, scrivere seduta al bar aspettando la prossima proiezione di mio interesse e insomma spassarmela.

Perché l’aria che si respira durante il Festival è pura magia e ci si può un po’ reinventare e mescolare tra le altre persone, ognuno con le proprie solitudini, ognuno con le proprie vite. Vivere il proprio film, tra i film.

Ma inizialmente, dicevo, non è il mio primo Torino Film Festival.

Grazie a Storia dei Film, mi sono affacciata per la prima volta al festival con la sua 31° edizione. E me ne sono innamorata.

Questi sono alcuni film che ho visto e recensito:

Frances Ha di Noah Baumbach

fracesha

Canibal di Manuel Martín Cuenca

canibal_ver3_xlg

Il Treno Va a Mosca di  Federico Ferrone, Michele Manzolini

il treno va a mosca

Inside Llewyn Davis di Ethan Coen e Joel Coen

inside-llewyn-davis-poster-big

Mary Is Happy, Mary Is Happy di Nawapol Thamrongrattanarit

tumblr_nns7jyStLD1rmcy7fo1_500

La 32° edizione del festival mi ha vista divisa tra vari lavori ma con il supporto di un’altra fortissima articolista, con cui ho speso i momenti di attesa nella fredda Torino e sotto le luci pre natalizie. Oltre ai film recensiti, ricordo con grande piacere di aver visto ’71 di Yann Demange

…ma anche Gentlemen, presentato in sala dal regista, che mi ha lasciata confusa e indecisa (ancora oggi) sul mio giudizio. Forse dovrei rivederlo.

Poi ricordo il documentario sui Sex Pistols di Julien Temple che quest’anno al Festival, si occuperà di una sezione intitolata Questioni di vita e morte

… e poi ho visto Wild diretto da Jean-Marc Vallée, basato sul memoir di Cheryl Strayed e  sceneggiato da Nick Horny. Il film ha valso la candidatura all’Oscar come miglior attrice protagonista a Reese Witherspoon.

Per Storia dei Film ho recensito qualche titolo davvero interessante, tra cui:

Big Significant Things di Bryan Reisberg

big-poster-2

Diplomacy di Volker Schlöndorff

media

Life After Beth di Jeff Baena

B3IxlUPIAAEZxzM

Con numeri da capo giro – 158 lunghi, 15 medi, 32 corti, 50 anteprime mondiali, 20 internazionali, 8 europee, 71 italiane – ho già cominciato a segnare sull’agenda alcuni dei film che andrò a vedere quest’anno, partendo da God bless the Child, passando per Suffragette, film d’apertura del festival che narra le vicissitudini delle militanti del primissimo movimento femminista a Londra, fino all’onirico film italiano I Racconti dell’orso e vi terrò aggiornati con un post work in progress e attraverso il mio account Twitter. 

Nel frattempo, segnate anche i voi i vostri preferiti, consultando il programma online del Festival. 

2 pensieri su “Ciao mamma, vado al 33° Torino Film Festival! – dove ti riassumo le puntate precedenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *