Categoria: House of Books

Letture da Kiddo – novembre

Nonostante sia stato il mese del 33° Torino Film Festival e di alcuni assestamenti, cambiamenti nella mia vita, le letture da Kiddo, no, non sono mancate!

Anzi, tante foto e #frullìbrio nelle orecchie in questo mese piuttosto freddino.

Tra nuovi classici del gotico e classici rivisitati in un’inedita veste a fisarmonica, mi sono goduta anche storie di vita e drammi quotidiani e sono andata allo zoo senza muovermi di casa ma imparando tante fantasticherie incredibili!

Insomma, vi ho incuriosito un po’? Allora, seguitemi!

(altro…)

Letture da Kiddo – ottobre

Il mese di ottobre mi ha travolta e le le mie letture, come potete notare, ne hanno risentito, in numero ma non in qualità.

Ho letto di storie buffe tra finzione e realtà grazie a Vietato leggere Lewis Carrol, sono finita in Lapponia grazie all’autore del Battello a Vapore Alberto Melis, ho potuto sbirciare il diario di una dodicenne senza essere sgridata e infine, ho scoperto il prima e il dopo della storia di Cappuccetto Rosso.

Ma non solo, infatti mi sono rituffata nelle letture young adult con due bellissimi titoli che vi consiglio caldamente, Il tuo corpo adesso è un’isola di Paola Predicatori e Svegliami quando tutto sarà finito di Robyn Schneider, di cui spero di poter scrivere presto qualcosa su questo blog.

Ma cominciamo a vedere cosa ho combinato sulle pagine di You Kid con…

(altro…)

Letture da Kiddo – settembre

Settembre è davvero ripartito alla grande con tanti libri interessanti da leggere e da consigliare a piccini, mamme e papà. Tutto questo grazie a YouKid portale dedicato ai bambini, ai ragazzi e famiglie.

Mi ero presa una piccola pausa con agosto, ma come vedrete con settembre ci sono ben 7 libri che vi consiglio. Allora, partiamo subito con tre graphic novel pubblicate da Bao Publishing

(altro…)

Year Walk e le Favole per Bambini Tremendi – una dolce notte per i cuori impressionabili

Year Walk di Simogo

Lo scorso inverno, forse ispirata dalla landa desolata in cui mi sono dovuta trasferire, ho cominciato a giocare a titoli che ben si adattassero al mio stato d’animo.

Uno è stato Limbo, gioco del 2010 sviluppato dai danesi Playdead, che non solo si adattava al mio umore, ma anche alla nebbia che circondava la mia casa. Vedere per credere.

L’altro è Year Walk, titolo cupo e horror dello studio svedese Simogo, nato per iOS nel 2013 e poi approdato nel 2014 su PC, attraverso la piattaforma Steam. Fra pochi giorni, il gioco arriverà anche sulla console Nintendo Wii U e proprio per questa occasione, lo studio ha ben pensato di pubblicare un libricino in formato ebook con una raccolta di favole. Ma di questo, vi parlerò dopo.

Cominciamo con il gioco. Al di là dello stile grafico molto vicino ai miei gusti estetici personali, sono stata attirata come una calamita da questo titolo per l’incipit.

Infatti, Year Walk o La Camminata dell’Anno o meglio ancora Årsgång, è un antico rituale, un cammino da intraprendere in determinati giorni dell’anno e in totale solitudine, in ricerca di sé stessi, del sovrannaturale ma soprattutto di risposte per il futuro. Un’arcaica arte divinatoria.

Il gioco di Simogo, prendendo spunto da questo, dalle favole che venivano loro raccontate prima di spegnere la luce e da molte altre leggende nordiche hanno creato un gioco appassionante, incredibilmente inquietante e diciamolo, anche spirituale.

Year Walk

(altro…)

Letture da Kiddo – luglio

Luglio, col bene che ti voglio ben quattro libri ho letto, oh già! (ià ià ià iaaaà)

Quattro libri letti e recensiti per You Kid! Yuhu! Pacche sulle spalle e congratulazioni a parte, ne ho fatto anche 4 video #frullìbrio e ne sono felice perché tutti e 4 i titoli hanno particolarità anche estetiche che mi ha fatto piacere condividere. Quindi, se dovete ancora scegliere i libri da portare in vacanza con i vostri bimbi, ecco una bella selezione! Cominciamo!

(altro…)

Jukebooks Label e il primo musical book al sapor di Rustichella

Camilla Sernagiotto, mi è entrata nel cuore per poi rimanerci, con il libro Circuito Chiuso/Annales. Il formato insolito di quella pubblicazione Fazi, mi aveva sorpreso e incuriosito, infatti, il libro ha due titoli e due storie (che sia il caso di un #frullìbrio per farvi vedere?) e leggendolo mi ero convinta che l’autrice poteva farmi ridere e tenermi sulle spine con un buon thriller, allo stesso tempo.

Qualche giorno fa, Camilla ha pubblicato questa foto su Instagram:

Jukebooks Label

e io mi sono lanciata subito sul sito in questione. (altro…)

Letture da Kiddo – giugno

Dopo un periodo in cui non riuscivo a finire nemmeno un libro, sbocconcellandolo di malavoglia come un finocchio durante la dieta, rieccomi in piene forze e pronta per le abbuffate.

Così, tra le varie letture che mi accompagnano di notte, ci sono quelle diurne di libri per bambini. Ciò che penso di questi libri favolosi per Kiddos, lo condivido sul sito You Kid.

Ricapitoliamo quindi, ciò che ho letto a giugno.

(altro…)

#frullìbrio – quella roba lì che mi frullava fra le mani

Io ho amici belli ma proprio belli che mi mandano immagini e video che poi entrano nel mio immaginario e a volte, nei miei peggiori incubi notturni.

Ho un amico in particolare che oltre ad essere un ottimo scopritore di caz**te bellissime è anche un creativo con i contro fiocchi, che rimani a bocca aperta. E io sono molto orgogliosa di conoscerlo e perciò conoscetelo anche voi a questo awambawamb. E sono anche molto orgogliosa di ricevere video come questi:

(altro…)

Mia sorella è una foca monaca di Christian Frascella

“Picchiato da un imbecille fanatico di Terminator; umiliato  per via d’una zoccola; minacciato da un padre alcolista e scansafatiche; fratello di una monaca di clausura fuori di testa; figlio di una madre fuggita con un giovane addetto alla pompa; potenziale squartatore di pesci; in più, stanco, lurido, ammaccato. Nah, non c’era mica giustizia. La mia vita non procedeva per il verso giusto.”

(altro…)

13 di Jay Asher

Raccontare una storia a volte è salutare. Raccontare una storia, estranea, rende liberi. Ma se ti incatenasse maggiormente a quella che è una realtà? Se servisse solo ad esprimere e spiegare quel che è già un fatto?

Clay Jensen tornando a casa da scuola, trova un pacchetto, non più grande di una scatola di scarpe, sulla porta di casa. Ricevere posta inaspettata può essere piacevole, rendere la giornata migliore o renderla un incubo. Clay non è stato l’unico e non sarà l’ultimo a ricevere questo pacchetto.

13. Persone. Storie. Intrecci. 13 passi verso l’abisso.

(altro…)